Diventare suora del Cenacolo

Ho la vocazione?

Quando nella vita di una ragazza irrompe Dio, lei si sente attirata, desidera conoscerLo di più e approfondire il proprio rapporto con Lui.
Se nel suo cuore sorge sempre più forte il desiderio di seguire il Signore, in una vita di totale consacrazione a Lui, può iniziare un cammino di discernimento vocazionaleSe crescerà in lei il desiderio:

• di una intimità sempre più grande con il Signore, in un amore “indiviso” e aperto ad ogni persona
• di manifestare l’amore di Dio con la sua vita e con l’annuncio del Vangelo
• di condividere con altre persone questo dono

Allora è il momento di verificare se il Signore la sta chiamando a consacrare tutta se stessa nella missione delle suore del Cenacolo.

A questo punto che cosa chiediamo? Che cosa ci chiede di fare la Chiesa, che nella sua saggezza ci invita – come dice S. Paolo – a «vagliare e discernere ogni buon desiderio…»?

Proponiamo prima di tutto di fare come i primi discepoli: «vieni e vedi» cioè alcuni incontri di conoscenza con delle sorelle e qualche comunità. Sono i primi passi che permettono di comprendere di più la nostra missione, tutta orientata a risvegliare...

Leggi di più

Quando nella vita di una ragazza irrompe Dio, lei si sente attirata, desidera conoscerLo di più e approfondire il proprio rapporto con Lui.
Se nel suo cuore sorge sempre più forte il desiderio di seguire il Signore, in una vita di totale consacrazione a Lui, può iniziare un cammino di discernimento vocazionaleSe crescerà in lei il desiderio:

• di una intimità sempre più grande con il Signore, in un amore “indiviso” e aperto ad ogni persona
• di manifestare l’amore di Dio con la sua vita e con l’annuncio del Vangelo
• di condividere con altre persone questo dono

Allora è il momento di verificare se il Signore la sta chiamando a consacrare tutta se stessa nella missione delle suore del Cenacolo.

A questo punto che cosa chiediamo? Che cosa ci chiede di fare la Chiesa, che nella sua saggezza ci invita – come dice S. Paolo – a «vagliare e discernere ogni buon desiderio…»?

Proponiamo prima di tutto di fare come i primi discepoli: «vieni e vedi» cioè alcuni incontri di conoscenza con delle sorelle e qualche comunità. Sono i primi passi che permettono di comprendere di più la nostra missione, tutta orientata a risvegliare e a far approfondire la fede a quanti incontriamo: giovani, uomini e donne di ogni età, stato sociale, professione…

Diventare suora del Cenacolo 2
Le tappe della formazione
Testimonianze
Domande frequenti: intervista con la suora Maurizia
D Hai sempre pensato di diventare suora?
R

No, nei miei sogni da bambina volevo fare l’insegnante, da adolescente pensavo al matrimonio e solo verso i 17/18 anni si è fatto strada in me il pensiero della consacrazione.

D Che cosa ti ha spinto a fare questa scelta?
R

Sono stati due incontri, tra loro molto legati. Il primo è quello con una consacrata, che mi ha fatto percepire che la consacrazione è una scelta bella e piena di gioia. Il secondo, il più importante, è stata la scoperta di Gesù come una persona che mi ama e con cui posso entrare in relazione.

D Che cosa fai durante la giornata?
R

Le mie giornate possono essere molto diverse tra loro, ma ci sono sempre tre elementi fondamentali: la preghiera, la vita in comunità e la missione apostolica, attraverso cui cerco di far conoscere e amare Gesù. Concretamente a volte passo molto tempo ad incontrare le persone, singolarmente o in gruppo, altre volte invece trascorro la giornata nella preparazione e nell’organizzazione di proposte apostoliche.

D Sei tu che decidi il luogo in cui vivi e la missione che fai?
R

No, sono mandata in missione dalla responsabile della Provincia. Tuttavia, generalmente le scelte che mi riguardano sono prese in dialogo con me, tenendo conto del bene comune, delle mie caratteristiche personali, dei miei desideri, di quello che sento.

D Quando devi comprare qualche cosa, sei libera di farlo e hai dei soldi a tua disposizione o devi chiedere dei permessi?
R

In dialogo con la responsabile, prevedo la somma di denaro indicativa di cui ho bisogno per le spese personali. Posso così comprare quello che mi serve, senza chiedere ogni volta particolari permessi. Rendo regolarmente conto di come utilizzo i soldi ricevuti ed entro in dialogo con la responsabile se si presentano particolari necessità.

D Quando ti senti sola e senti la mancanza di un marito che cosa fai?
R

Sono questi i momenti in cui ritorno con la memoria ed il cuore ai tempi forti vissuti con il Signore, ai consigli ricevuti nel tempo di formazione, per ritrovare il perché profondo della mia scelta di vita ed approfondirlo. Anche la comunità e le buone amicizie sono un sostegno.

D Non avere figli è per te un dispiacere?
R

Per ora non ho sofferto di non avere figli e non mi sono mai sentita sterile, anche se potrebbe succedere. Nella missione sento invece di portare vita agli altri in un modo diverso, perché la gente che approfondisce la relazione con il Signore diventa più viva.

D Quali sono le difficoltà che incontri da quando sei suora?
R

Ho incontrato alcune difficoltà legate alla vita comune: siamo diverse e come in ogni famiglia non sempre è facile capirsi e andare d’accordo. A volte è stato anche difficile lasciare alcuni luoghi, alcune persone, alcune missioni a cui ero affezionata.

D Che cosa ti aiuta a superare le difficoltà?
R

Quello che mi aiuta maggiormente è la consapevolezza di non essere sola. Nella preghiera condivido con il Signore le mie difficoltà. Cerco anche l’aiuto e il conforto di persone sagge, in comunità e all’esterno.

D Come vivi le relazioni con le persone sapendo che dopo qualche anno le lascerai per andare in un altro luogo?
R

La consapevolezza di dover partire non mi porta a cambiare il modo di vivere le relazioni.  So che un giorno la sofferenza per il distacco potrà farsi sentire, ma ora cerco di vivere con semplicità e autenticità ogni rapporto. Ho l’esperienza che ciò che ricevo e dono negli incontri con le persone in qualche modo mi accompagna per sempre.

D Si può essere pienamente felici pur essendo suora?
R

La consacrazione è una scelta d’amore, per questo è una strada verso la felicità. Con tanti altri, faccio l’esperienza di percorrere un cammino verso la gioia autentica.

portrait-suora-maurizia-cenacolo-roma-italia-esercizi-spirituali-preghiera - Copie
Hai una domanda sulla vocazione? Contatta
Sr Maurizia SOSIO
contact@ndcenacle.org

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza utente.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie a fini statistici.

OK
Preghiera del momento